Dall’Intelligenza Artificiale, nuovi strumenti per indirizzare più rapidamente e in modo personalizzato la cura di chi accede al Pronto Soccorso per una malattia tempo-dipendente - Humanitas 5x1000 Facebook Twitter WhatsApp LinkedIn Telegram

Come utilizziamo il tuo 5×1000

5x1000

Dall’Intelligenza Artificiale, nuovi strumenti per indirizzare più rapidamente e in modo personalizzato la cura di chi accede al Pronto Soccorso per una malattia tempo-dipendente

Nome dello studio: Valutare i predittori precoci di mortalità e strategie di trattamento per malattie potenzialmente letali e dipendenti dal tempo nel Dipartimento di Emergenza utilizzando l’approccio dell’intelligenza artificiale

Responsabile: ANTONIO VOZA

Cos’è la Medicina di Precisione

Rappresenta quell’insieme di strategie di prevenzione e trattamento che tengono conto della variabilità individuale. Si tratta di una medicina, che unendo diagnostica e terapia in modo iper-specializzato, riesce a curare ciascun paziente in modo individuale e specifico. L’esattezza tecnica dell’atto medico è sempre accompagnata all’attenzione al paziente nella sua interezza: in sostanza, con la personalizzazione.

E’ una branca della medicina con grandissime potenzialità

Perché può guidare le decisioni sanitarie verso il trattamento più efficace per il singolo paziente e, quindi, migliorare la qualità della cura evitando di ricorrere a terapie e test diagnostici non necessari.
La combinazione dei progressi tecnologici nella chimica molecolare, nell’automazione dell’analisi, nella memorizzazione e nella trasmissione di dati e nella matematica computazionale ora permette di quantificare decine di migliaia di analisi da un singolo campione di paziente.

La Medicina di Precisione è centrale in questo progetto

Lo scopo infatti è introdurla nella gestione dei pazienti che accedono dal Pronto Soccorso.
L’obiettivo dei ricercatori è sviluppare algoritmi predittivi dei risultati per pazienti affetti da malattie dipendenti dal tempo (come sepsi e insufficienza respiratoria da infezione polmonare) utilizzando parametri clinici, parametri strumentali e biomarcatori raccolti al momento dell’ammissione in Pronto Soccorso.
Il progetto è iniziato a ottobre 2021 e sta procedendo con l’arruolamento dei pazienti.