FIRMA PER SOSTENERE LA RICERCA

Vaccino esavalente

Che cos’è il vaccino esavalente?

Si tratta di un unico vaccino che viene solitamente somministrato entro il primo anno di vita e che protegge da poliomelite, tetano, difterite, pertosse acellulare, epatite B ed haemophilus influenzae di tipo B.

La poliomielite è una grave patologia contagiosa ed infettiva imputabile al poliovirus che colpisce le cellule neurali del sistema nervoso; ne consegue una paralisi che è talvolta irreversibile. La trasmissione è per via feco-orale: il virus passa tramite le feci che possono contaminare mani, acqua, alimenti ed attraverso le goccioline di saliva emesse da soggetti ammalati o portatori sani.

Il tetano è una malattia infettiva non contagiosa provocata dal Clostridium tetani, un batterio molto diffuso nell’ambiente e che può penetrare facilmente nell’organismo tramite delle piccole ferite a contatto con terriccio od oggetti sporchi. La tossina raggiunge quindi il sistema nervoso e può provocare delle contrazioni e degli spasmi muscolari.

La difterite è una grave malattia infettiva che è dovuta ad una tossina prodotta dal batterio Corynebacterium diphtheriae. La tossina inibisce le funzioni cellulari di reni, cuore e sistema nervoso. La trasmissione avviene tramite contatto diretto con un malato o un portatore o per contatto indiretto – anche se ciò avviene più raramente – con oggetti contaminati.

La pertosse acellulare è una malattia infettiva provocata dal batterio Bordetella pertussis. Coinvolge in prevalenza i bambini ed il contagio avviene tramite delle goccioline di saliva emesse dalle persone infette parlando, tossendo o starnutendo. Nei bambini sotto l’anno di età la pertosse può essere piuttosto grave a causa dell’insorgenza di complicanze (broncopolmoniti, convulsioni, crisi di apnea, encefaliti).

L’epatite B è una malattia infettiva contagiosa dovuta allo Human epatitis B Virus (HBV) che si trasmette tramite sangue e liquidi biologici infetti (sperma, sangue, latte materno e secrezioni vaginali). L’infezione coinvolge il fegato e può provocare epatite acuta, fulminante o cronica.

L’haemophilus influenzae di tipo B è un batterio molto diffuso che è presente nella gola e nel naso ed è responsabile di infezioni importanti, soprattutto nei bambini sotto i cinque anni. La trasmissione avviene per contatto diretto, tramite le goccioline che vengono emesse da persone ammalate o portatrici.

Come funziona il vaccino esavalente?

Il vaccino contiene parti di tutti e sei i germi e può proteggere dalle sei patologie.

La somministrazione si effettua per via intramuscolare nella faccia antero-laterale della coscia.

Quando fare il vaccino esavalente?

Il vaccino esavalente rientra nelle vaccinazioni obbligatorie e viene somministrato – in tre dosi distinte – nel primo anno di vita. Le componenti antipertosse ed haemophilus B non sono obbligatorie, per cui è possibile rifiutarne la somministrazione tramite un dissenso sottoscritto.

Per haemophilus B ed epatite B non sono necessarie ulteriori dosi.

Invece, per difterite, tetano, polio e pertosse è previsto un richiamo (dose di rinforzo) intorno ai 5-6 anni di età. Un’altra dose – comunque ridotta – è poi raccomandata in età adolescenziale.

Negli adulti si consiglia ogni dieci anni un richiamo per la difterite, il tetano e la pertosse.

Effetti collaterali del vaccino esavalente

Questo vaccino è ben tollerato. Entro 48 ore dalla somministrazione potrebbero manifestarsi gonfiore, rossore e tumefazione nella sede di iniezione o febbre.

Come per tutti i vaccini è possibile che si verifichi l’eventualità di reazioni allergiche, anche gravi; si tratta di un’evenienza comunque rara.

Le informazioni riportate costituiscono indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere del medico.

 

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?

Quale progetto vuoi che Humanitas sostenga grazie al 5x1000?

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS
SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?