FIRMA PER SOSTENERE LA RICERCA

Perdita di equilibrio

Si parla di questo problema quando – nonostante si stia fermi, in piedi o seduti –  si avverte una sensazione di movimento, come se si stesse girando. Alla base del fenomeno possono esserci problemi diversi tra cui influenza o infezioni delle vie aeree superiori, la sindrome di Ménière, un trauma cranico o un esercizio fisico molto intenso, vertigini, infezioni dell’orecchio interno o infiammazioni, un cambiamento della pressione atmosferica e il mal di mare. Anche alcuni tumori, come il neurinoma dell’acustico, possono determinare la perdita d’equilibrio.

Anche una pressione del sangue troppo alta o troppo bassa – così come l’assunzione di alcuni medicinali – può provocare questo problema. Non bisogna poi scordare che alcuni disturbi e malattie tipici dell’invecchiamento (come, ad esempio, l’artrite) possono avere come conseguenza proprio dei problemi di equilibrio.

Tra i sintomi associati al problema sono inclusi vista appannata, stato confusionale e disorientamento, senso di nausea e conati di vomito, sensazione di depressione, ansia o paura, affaticamento, difficoltà a concentrarsi, scariche di diarrea e variazioni della pressione sanguigna o della frequenza cardiaca.

Quali malattie si possono associare perdita di equilibrio?

Le patologie che si possono associare al problema sono le seguenti:

  • Labirintite
  • Otite
  • Artrite
  • Ictus
  • Intossicazione da monossido di carbonio

Si rammenta come questo non sia un elenco esaustivo e che sarebbe sempre meglio consultare il proprio medico di fiducia in caso sintomi persistenti.

Quali sono i rimedi contro la perdita di equilibrio?

Talvolta è un disturbo momentaneo mentre altre volte è necessario agire sul problema di salute che scatena il disturbo. Per questo motivo è importante rivolgersi ad un medico, perché potrebbe essere necessario modificare l’assunzione di alcuni medicinali, oppure potrebbero essere utili cambiamenti nell’alimentazione, una fisioterapia o degli esercizi da eseguire a casa al fine di ridurre il rischio di farsi male. Altre volte è però necessario risolvere il problema assumendo dei farmaci (ad esempio antibiotici contro un’infezione, medicinali contro il senso di nausea o corticosteroidi contro i capogiri).

Infine, può essere necessario intervenire chirurgicamente; cosa che può, ad esempio, essere necessaria nel caso di sindrome di Ménière.

Con perdita di equilibrio quando rivolgersi al proprio medico?

E’ sempre bene rivolgersi al medico al fine di identificare la causa del problema e affrontarla nel modo più opportuno. Nel caso in cui si sospetti che il problema possa essere associabile ad un ictus, è fondamentale chiamare subito un’ambulanza.

Le informazioni riportate costituiscono indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere del medico.

 

 

 

 

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?

Quale progetto vuoi che Humanitas sostenga grazie al 5x1000?

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS
SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?