FIRMA PER SOSTENERE LA RICERCA

Infezione da Bukholderia pseudomallei

Come si contrae l’infezione da Bukholderia pseudomallei?

I batteri che provocano l’infezione da Bukholderia pseudomallei  – malattia conosciuta anche come “melioidosi” – vengono trasmessi all’uomo tramite il contatto diretto con terreni e acque contaminati (inalazione di gocce d’acqua o di polvere, ingestione di acqua, contatto con il terreno contaminati), soprattutto in caso di presenza di abrasioni sulla pelle o tagli.

Sintomi e malattie associate

Vi sono diversi tipi di melioidosi, ognuno con il proprio insieme di sintomatologia: è importante sapere, in generale, che l’infezione si caratterizza per una vasta gamma di sintomi che possono essere scambiati per altre malattie come le forme più comuni di tubercolosi e polmonite.

Qualora l’infezione sia localizzata i sintomi principali sono:

1. ulcerazione

2. ascesso

3. dolore localizzato o gonfiore

4. febbre

Se l’infezione è invece a livello polmonare i sintomi possono includere:

1. mal di testa

2. anoressia

3. tosse

4. dolore al petto

5. febbre alta

Se l’infezione è diffusa i sintomi includono:

  1. disorientamento
  2. perdita di peso
  3. convulsioni
  4. febbre
  5. mal di testa
  6. difficoltà respiratorie
  7. disturbi addominali
  8. dolori muscolari e/o articolari

Il tempo che intercorre tra l’esposizione ai batteri che provocano la malattia e la comparsa della sintomatologia è piuttosto variabile; solitamente i sintomi compaiono due-quattro settimane dopo l’esposizione.

Cos’è l’infezione da Bukholderia pseudomallei?

Il batterio Burkholderia pseudomallei provoca la melioidosi, detta anche “malattia di Whitmore”, una malattia infettiva e contagiosa che può riguardare sia gli animali che gli uomini. È molto presente nei paesi a clima tropicale e risulta particolarmente diffusa nelle regioni del sud-est asiatico e nell’Australia settentrionale. Oltre agli uomini sono molto sensibili alla melioidosi diverse specie animali: suini, cavalli, pecore, capre, cani e gatti. È molto raro invece che l’infezione si trasmetta da uomo a uomo.

Cure e trattamenti

Il tipo di infezione e la durata del trattamento incidono sui risultati nel lungo termine. Il trattamento inizia solitamente con una terapia antimicrobica endovena per 10-14 giorni, seguiti da 3-6 mesi di terapia antibiotica via bocca.

Disclaimer

Le informazioni qui riportate rappresentano solo delle indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere del curante. In caso di malessere è consigliabile rivolgersi al proprio medico o recarsi al Pronto Soccorso.

Le informazioni riportate costituiscono indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere del medico.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?

Quale progetto vuoi che Humanitas sostenga grazie al 5x1000?

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS
SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?