FIRMA PER SOSTENERE LA RICERCA

Infezione da Bukholderia pseudomallei

Come si contrae l’infezione da Bukholderia pseudomallei?

I batteri che provocano l’infezione da Bukholderia pseudomallei  – malattia conosciuta anche come “melioidosi” – vengono trasmessi all’uomo tramite il contatto diretto con terreni e acque contaminati (inalazione di gocce d’acqua o di polvere, ingestione di acqua, contatto con il terreno contaminati), soprattutto in caso di presenza di abrasioni sulla pelle o tagli.

Sintomi e malattie associate

Vi sono diversi tipi di melioidosi, ognuno con il proprio insieme di sintomatologia: è importante sapere, in generale, che l’infezione si caratterizza per una vasta gamma di sintomi che possono essere scambiati per altre malattie come le forme più comuni di tubercolosi e polmonite.

Qualora l’infezione sia localizzata i sintomi principali sono:

1. ulcerazione

2. ascesso

3. dolore localizzato o gonfiore

4. febbre

Se l’infezione è invece a livello polmonare i sintomi possono includere:

1. mal di testa

2. anoressia

3. tosse

4. dolore al petto

5. febbre alta

Se l’infezione è diffusa i sintomi includono:

  1. disorientamento
  2. perdita di peso
  3. convulsioni
  4. febbre
  5. mal di testa
  6. difficoltà respiratorie
  7. disturbi addominali
  8. dolori muscolari e/o articolari

Il tempo che intercorre tra l’esposizione ai batteri che provocano la malattia e la comparsa della sintomatologia è piuttosto variabile; solitamente i sintomi compaiono due-quattro settimane dopo l’esposizione.

Cos’è l’infezione da Bukholderia pseudomallei?

Il batterio Burkholderia pseudomallei provoca la melioidosi, detta anche “malattia di Whitmore”, una malattia infettiva e contagiosa che può riguardare sia gli animali che gli uomini. È molto presente nei paesi a clima tropicale e risulta particolarmente diffusa nelle regioni del sud-est asiatico e nell’Australia settentrionale. Oltre agli uomini sono molto sensibili alla melioidosi diverse specie animali: suini, cavalli, pecore, capre, cani e gatti. È molto raro invece che l’infezione si trasmetta da uomo a uomo.

Cure e trattamenti

Il tipo di infezione e la durata del trattamento incidono sui risultati nel lungo termine. Il trattamento inizia solitamente con una terapia antimicrobica endovena per 10-14 giorni, seguiti da 3-6 mesi di terapia antibiotica via bocca.

Disclaimer

Le informazioni qui riportate rappresentano solo delle indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere del curante. In caso di malessere è consigliabile rivolgersi al proprio medico o recarsi al Pronto Soccorso.

Le informazioni riportate costituiscono indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere del medico.

 

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?

Quale progetto vuoi che Humanitas sostenga grazie al 5x1000?

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS
SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?