FIRMA PER SOSTENERE LA RICERCA

Infezione da Bukholderia mallei

Come si contrae un’infezione da Bukholderia mallei?

I batteri che causano questa infezione – detta anche morva – vengono trasmessi all’uomo tramite il contatto con dei tessuti o fluidi corporei di animali infetti. I batteri entrano nel corpo umano attraverso abrasioni o tagli sulla pelle e tramite il contatto con le mucose del naso e degli occhi. Sono stati registrati anche dei rari casi di contagio per via aerea.

Sintomi e malattie associate all’infezione da Bukholderia mallei?

I sintomi dell’infezione possono essere anche molto differenti tra loro. I più comuni sono i seguenti:

1. rigidità a livello muscolare

2. mal di testa

3. secrezione nasale

4. sensibilità alla luce (a volte con eccessiva lacrimazione degli occhi)

5. febbre con brividi e sudorazione

6. dolori muscolari

7. dolore al petto

Che cos’è l’infezione da Bukholderia mallei?

Burkholederia mallei è un batterio gram negativo che è dotato di metabolismo aerobico. È il batterio che sta all’origine della morva, una malattia infettiva che colpisce in principal modo i cavalli ed è trasmissibile all’uomo (sebbene in quest’ultimo sia estremamente rara). Colpisce anche muli ed asini e può essere naturalmente contratto da altri mammiferi come cani, gatti e capre. L’infezione da Burkholederia mallei viene diagnosticata in laboratorio isolando il batterio da campioni di espettorato, di sangue, di pelle o di urina. Non sono a oggi disponibili test sierologici.

Cure e trattamenti dell’infezione da Bukholderia mallei

Atteso che i casi umani di morva sono rari, ad oggi vi sono delle informazioni limitate sui trattamenti antibiotici disponibili e sul loro eventuale esito negli esseri umani. Medicinali a base di sulfadiazina sembrano risultare efficaci sia sugli animali che nell’uomo. Il batterio che causa la morva – inoltre – è in genere suscettibile a:

1. gentamicina

2. ceftazidima

3. sulfamidici

4. tetracicline

5. ciprofloxacina

6. streptomicina

7. novobiocina

Attualmente non esiste un vaccino disponibile contro la morva. Nei paesi in cui la morva è molto diffusa la prevenzione della malattia negli esseri umani comporta prima l’identificazione e poi l’eliminazione dell’infezione nella popolazione animale.  Nei contesti di assistenza sanitaria la trasmissione può essere evitata impiegando delle precauzioni di contatto con i soggetti infetti.

Le informazioni riportate costituiscono indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere del medico.

 

 

 

 

Disclaimer

Le informazioni qui riportate rappresentano delle indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere del medico. In caso di malessere è consigliabile rivolgersi al proprio medico o recarsi ad un presidio di Pronto Soccorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?

Quale progetto vuoi che Humanitas sostenga grazie al 5x1000?

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS
SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?