FIRMA PER SOSTENERE LA RICERCA

Valvola polmonare

E’ una delle quattro valvole cardiache. Ha una forma di una semiluna ed è situata tra il ventricolo destro e l’arteria polmonare con la funzione di assicurare che il sangue non ossigenato proceda in un’unica direzione, garantendo quindi  il corretto scambio di ossigeno e anidride carbonica, e non ritorni indietro nel suo percorso verso i polmoni.

Che cos’è la valvola polmonare?

Il cuore è un organo suddiviso in diverse parti per poter svolgere la sua funzione principale: portare il sangue ricco di ossigeno al resto del corpo (tessuti, tessuti e organi) al fine di nutrirli, e ricevere il sangue carico di anidride carbonica da inviare ai polmoni.

La valvole cardiache sono delle piccole strutture che, come dei “rubinetti”, hanno la funzione di assicurare che, a partire dal cuore,  il flusso sanguigno proceda in una sola direzione, evitando che ritorni indietro.

La valvola polmonare è costituita da tre membrane (cuspidi), formate in modo prevalente da collagene, che assumono la forma di una semiluna. La valvola è posta su di un anello muscolare e così collegata alla parete del cuore. Un nodulo fibroso situato su ogni margine libero delle cuspidi provvede alla chiusura dell’orifizio polmonare nel corso della contrazione (diastole) del ventricolo.

A cosa serve la valvola polmonare?

Il cuore è il perno della circolazione sanguigna, il motore che permette il trasporto  dell’ossigeno ricevuto dai polmoni alle cellule di tessuti e organi e di scambiare l’anidride carbonica – che rappresenta uno scarto dell’attività metabolica delle cellule – a livello polmonare.

Il sangue ossigenato viaggia nell’organismo verso tessuti ed organi tramite l’aorta, l’arteria che porta il nutrimento all’intero corpo, suddividendosi in vari rami e capillari di sempre più piccole dimensioni. Il sangue con le scorie di anidride carbonica ritorna al cuore attraverso le vene.

La valvola polmonare presidia il passaggio tra il ventricolo destro e l’arteria polmonare con la precipua funzione di assicurare che il sangue non ossigenato non ritorni indietro.

Il ciclo cardiaco si compone, difatti, di due fasi: una fase di rilassamento (diastole) e una di contrazione (sistole).

Atri e ventricoli si contraggono in modo coordinata: prima gli atri e successivamente i ventricoli.

Il sangue non ossigenato arriva all’atrio destro tramite le vene cave, poi al ventricolo. Durante la fase di diastole, le valvole tra atri e ventricoli sono aperte e il sangue scorre in modo del tutto libero tra camere e atri. In tale fase le valvole semilunari sono chiuse, impedendo che il sangue rientri nei letti vascolari.

La contrazione ventricolare spinge il sangue all’interno dell’arteria polmonare e la differenza di pressione la richiude successivamente al passaggio. In condizioni normali, la velocità di flusso di una valvola polmonare  è pari a 75 cm per secondo.

Difetti congeniti della valvola polmonare possono alterare il funzionamento dell’intera circolazione cardiaca: la stenosi valvolare polmonare configura un restringimento dell’orifizio da cui passa il sangue e può essere trattata con un delicato intervento di valvuloplastica con palloncino.

Le informazioni riportate costituiscono indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere del medico.

 

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?

Quale progetto vuoi che Humanitas sostenga grazie al 5x1000?

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS
SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?