FIRMA PER SOSTENERE LA RICERCA

Singhiozzo (sintomo)

E’ un movimento involontario del muscolo alla base dei polmoni, il diaframma. La conseguente rapida chiusura delle corde vocali produce l’emissione del tipico suono associato al singhiozzo. A causarlo possono essere i fattori più diversi, da pasti troppo abbondanti all’assunzione di sostanze alcoliche, bevande gassate o di cibi bollenti o speziati, ma anche un improvviso cambiamento di temperatura, uno stress emotivo o uno stato di eccitazione o anche l’ingestione di aria.

Alla base di un singhiozzo che dura da più di 48 ore possono però esserci un tumore o un’infezione del sistema nervoso centrale, malattie metaboliche, traumi cranici, danni o irritazioni ai nervi o infine l’assunzione di farmaci (ad esempio steroidi, barbiturici, tranquillanti o anestetici). Forme di singhiozzo di questo tipo sono più frequenti nel sesso maschile e possono interferire con l’alimentazione, il riposo o la possibilità di parlare.

Quali malattie si possono associare al singhiozzo?

Le patologie che si possono associare a singhiozzo sono:

  • Tumori del collo
  • Cisti nel collo
  • Diabete
  • Ebola
  • Insufficienza renale
  • Laringite
  • Meningite
  • Reflusso gastroesofageo
  • Sclerosi multipla
  • Encefalite
  • Gozzo
  • Ictus

Si rammenta come questo non sia un elenco esaustivo e che sarebbe sempre meglio consultare il proprio medico di fiducia in caso di sintomi persistenti.

Quali sono i rimedi contro il singhiozzo?

Nella maggior parte dei casi si risolve da sé. Per farlo passare in fretta si può provare  a bere, a sorseggiare o fare gargarismi con un bicchiere d’acqua fredda, a respirare in un sacchetto o a trattenere il respiro.

Il curante potrebbe prescrivere l’assunzione di farmaci, ritenere necessario un trattamento o, nei casi più complicati, consigliare il ricorso a soluzioni più invasive (come, ad esempio, l’iniezione di anestetici o l’impianto di sistemi per la stimolazione del nervo vago). In alcuni casi anche il ricorso ad approcci complementari come l’ipnosi e l’agopuntura può essere d’aiuto.

Con singhiozzo quando rivolgersi al proprio medico?

E’ opportuno rivolgersi al medico se il disturbo dura più di 48 ore o se interferisce con la respirazione, l’alimentazione o il sonno.

Le informazioni riportate costituiscono indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere del medico.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?

Quale progetto vuoi che Humanitas sostenga grazie al 5x1000?

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS
SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?