FIRMA PER SOSTENERE LA RICERCA

Rigidità articolare

E’ una situazione in cui la possibilità di muovere un’articolazione è limitata o addirittura nulla. Può riguardare una  o più articolazioni, può essere associata a dei traumi e aggravarsi lentamente per una malattia sottostante o per l’usura dei tessuti articolari.

Può essere continua, associata ad attività specifiche o comparire solo in alcuni determinati momenti della giornata. Può altresì essere associata ad altri sintomi, come infiammazione, crampi, dolore ed indolenzimento. Inoltre – a seconda della presenza di altri disturbi – la rigidità può essere accompagnata da gonfiori, prurito, lividi, emorragie, bruciore, addormentamento di una parte del corpo, arrossamenti o surriscaldamento dell’articolazione, dolori o crampi addominali, nausea, vomito, rash cutanei, mal di gola e ingrossamento di fegato, milza, linfonodi, tosse, affaticamento, febbre e brividi, mal di testa, spasmi muscolari e convulsioni.

Tra le possibili cause di rigidità articolare sono incluse traumi, artrosi, gotta, diverse forme di artrite, infezioni, l’assunzione di alcuni farmaci, infiammazioni e tumori.

Quali malattie si possono associare a rigidità articolare?

Le patologie possono associarsi a rigidità articolare sono:

  • Psoriasi
  • Rosolia
  • Sclerodermia
  • Sindrome di Reiter
  • Spondilite
  • Tendinite
  • Tenosinovite
  • Tumore alle ossa
  • Tripanosomiasi africana
  • Acromegalia
  • Artrite settica
  • Artrite reumatoide
  • Artrosi
  • Ascesso
  • Borsite
  • Epatite
  • Influenza
  • Leucemia
  • Lupus eritematoso sistemico
  • Malattia di Lyme
  • Mononucleosi
  • Orecchioni
  • Osteomielite

Si rammenta come questo non sia un elenco esaustivo e che sarebbe sempre meglio consultare il proprio medico di fiducia in caso di sintomi persistenti.

Quali sono i rimedi contro la rigidità articolare?

Atteso che può essere legata a gravi patologie, è importante rivolgersi al medico per conoscere il rimedio più adatto. Dopo una diagnosi appropriata è consigliabile seguire la terapia e i trattamenti prescritti dal medico al fine di proteggere le articolazioni, contrastare l’eventuale dolore ed evitare complicazioni o peggioramenti.

In generale, potrebbero essere prescritti sia medicinali che una terapia fisica. Inoltre potrebbe essere richiesto perdere il peso in eccesso. In molti casi l’immobilità non è una soluzione, anzi: in casi come quelli in cui si deve fronteggiare l’artrite reumatoide, è meglio alternare momenti di riposo a momenti in cui si cerca di muovere le articolazioni che sono interessate dal problema.

Con rigidità articolare quando rivolgersi al proprio medico?

E’ opportuno rivolgersi al medico se il problema è persistente o recidivante. Meglio, invece, ricorrere alle cure del Pronto Soccorso se è associato a un’emorragia intensa, a febbre non accompagnata da sintomi influenzali, alla protrusione di un osso dalla pelle ed a una paralisi o all’impossibilità di muovere una parte del corpo.

Le informazioni riportate costituiscono indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere del medico.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?

Quale progetto vuoi che Humanitas sostenga grazie al 5x1000?

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS
SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?