Per Alberto Mosca, podista per passione e amico di Humanitas, la formula “5×1000” ha un significato originale. Per ogni 1000 metri, ovvero per ogni chilometro percorso correndo, ha deciso di donare 5 centesimi a favore della ricerca di Humanitas sulle malattie oncologiche: «La mia passione sportiva e il mio impegno per Humanitas durano da quattro anni. Da allora sto sostenendo Humanitas con l’iniziativa “Io non corro solo”», ricorda Alberto.

 

Con questa iniziativa Alberto è diventato una sorta di testimonial dell’impegno dei ricercatori di Humanitas: «Per passione partecipo a gare di atletica leggera. Con “Io non corro solo” porto il logo di Humanitas in giro per il mondo, nelle più grandi maratone d’Europa come quelle di Amsterdam e Amburgo. E quest’anno porterò il logo di Humanitas fino alla maratona di New York dove correrò a novembre per la seconda volta».

 

Il sostegno di Alberto per l’attività di Fondazione Humanitas per la Ricerca è arrivato dopo un’esperienza personale affrontata in Humanitas per motivi familiari: «Questo mi ha convinto a sostenere la ricerca a favore delle malattie oncologiche. Ho capito che tutti possono meritare le migliori cure del mondo e sono convinto che la ricerca applicata a queste malattie può aiutare tutti ad avere un futuro. La ricerca è alla base del progresso di tutti noi».

 

Il suo impegno è da esempio per tutti: «Ho scelto di indossare questa maglia che riporta il codice fiscale di Humanitas perché possiate anche voi firmare per il 5 per 1000 a favore di Humanitas per la ricerca».