FIRMA PER SOSTENERE LA RICERCA

Manganese

Che cos’è il manganese?

E’ un minerale che è presente nell’organismo in piccolissime quantità. Il totale massimo è di circa 20 mg, che sono in prevalenza concentrati nel fegato, nei reni, nel pancreas e nelle ossa.

A che cosa serve il manganese?

E’ un componente della superossido dismutasi manganese-dipendente, un enzima dall’attività antiossidante che neutralizza i radicali liberi potenzialmente lesivi per la salute. E’ anche importante per il funzionamento del cervello ed il resto del sistema nervoso, per il metabolismo del colesterolo, delle proteine e dei carboidrati. Parrebbe infine essere coinvolto nella formazione delle ossa.

In quali alimenti è presente il manganese?

Le migliori fonti alimentari di manganese sono il riso integrale, i vegetali a foglia verde, il cocco, le mandorle e le nocciole. Inoltre ne sono presenti buone quantità anche nei seguenti alimenti: barbabietola, taccole, crescione, avena e cereali integrali, lattuga, spinaci, porri e carote, lamponi, fragole e more, ananas e frutti tropicali, banane, fichi e kiwi, uva, frutta secca, senape indiana, menta, aglio, chiodi di garofano, curcuma e tofu.

Qual è il fabbisogno giornaliero di manganese?

Non ne esiste una dose giornaliera che sia raccomandata. Ne è però considerato adeguato un apporto pari a: 3 microgrammi nei bambini fino a 6 mesi di vita, 600 microgrammi dai 7 mesi all’anno, 1,2 mg da 1 a 3 anni, 1,5 mg da 4 a 8 anni. Nei ragazzi, di 1,9 mg da 9 a 13 anni e di 2,2 mg tra i 14 e i 18 anni; nelle ragazze di 1,6 mg dai 9 ai 18 anni. Negli uomini a partire dai 19 anni 2,3 mg; nelle donne 1,8 mg a partire dai 19 anni. L’apporto sale a 2 mg durante la fase di gravidanza e 2,6 mg durante l’allattamento.

Quali conseguenze può determinare la carenza di manganese?

La carenza di manganese è rara, ma può condurre, se in forma grave, ad infertilità femminile, danni al pancreas, osteoporosi e problemi cardiaci.

Tra i sintomi che può scatenare sono inclusi alta pressione, colesterolo alto, problemi alla vista e all’udito, contrazioni muscolari, malformazioni ossee, gravi perdite di memoria, brividi e tremori.

Quali conseguenze può determinare l’eccesso di manganese?

Un’overdose di manganese può provocare sintomi simili a quelli del Parkinson. Inoltre, in chi soffre di problemi epatici, un eccesso di questo minerale può causare problemi psichiatrici, tremori e spasmi.

È vero che il manganese aiuta a prevenire l’osteoporosi?

Questo minerale è fondamentale per la crescita delle ossa, ma nessuno studio ha sinora dimostrato l’efficacia della sua assunzione nella prevenzione dell’osteoporosi. La scelta migliore per proteggere la salute delle ossa è osservare una dieta sana ed equilibrata.

Le informazioni riportate costituiscono indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere del medico.

 

 

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?

Quale progetto vuoi che Humanitas sostenga grazie al 5x1000?

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS
SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?