FIRMA PER SOSTENERE LA RICERCA

Influenza aviaria

Come si contrae l’influenza aviaria?

Quasi tutti i casi umani di infezione da questo tipo di influenza hanno riportato contatti diretti con volatili infetti (pollame da allevamento, ad esempio), superfici contaminate o materiali contaminati (quali, ad esempio, piume o escrementi di uccelli). È opportuno evidenziare che, a oggi, la diffusione dell’influenza aviaria da un soggetto all’altro è stata segnalata solo raramente. Tutti i prodotti derivati dall’avicoltura (carne di pollo e uova) – qualora vengano adeguatamente cotti – possono essere consumati senza alcun problema e non costituiscono fonte di infezione.

Sintomi e malattie associate

Solitamente i sintomi dell’influenza aviaria negli esseri umani appaiono all’incirca nei 2 e 7 giorni dopo l’esposizione. Generalmente includono sintomi tipici simil-influenzali quali:

  1. dolori muscolari
  2. diarrea
  3. febbre
  4. mal di testa
  5. tosse
  6. mal di gola

Tra le malattie associabili all’influenza aviaria ci sono:

  1. encefaliti
  2. decesso
  3. infezioni oculari
  4. infezioni a carico dell’apparato respiratorio

Che cos’è l’influenza aviaria?

“Influenza aviaria” è il termine con cui si fa comunemente riferimento al virus dell’influenza di tipo A che contagia gli uccelli (da cui il nome “influenza aviaria”). Diffusa in tutto il pianeta, questo tipo di influenza è in grado di contagiare quasi tutte le specie di uccelli. Può essere a bassa o ad alta patogenicità: se provocata da una forma altamente patogena, la malattia insorge in modo improvviso ed è seguita da morte rapida dell’esemplare contaminato in quasi la totalità dei casi. Sebbene i ceppi di virus dell’influenza aviaria siano numerosi, sono pochi quelli che provocano delle malattie gravi nei volatili e ancor meno sono quelli che causano infezioni negli uomini. Alla fine del 2003 focolai di questa malattia vennero individuati in diversi paesi asiatici all’interno di allevamenti di pollame e risultarono associati ad alcune infezioni umane con un alto tasso di mortalità.

Cure e trattamenti

I trattamenti di base che vengono somministrati in caso di contagio umano da influenza aviaria sono i medesimi che vengono utilizzati al fine di trattare le influenze stagionali. In caso di infezione umana da influenza aviaria, i pazienti vengono curati in isolamento al fine di ridurre il rischio di diffusione e viene allertato il regime di assistenza medica intensiva per far fronte ai casi più gravi.

Disclaimer: Le informazioni qui riportate rappresentano delle indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere del medico. In caso di malessere è consigliabile rivolgersi al proprio medico o recarsi al più vicino presidio di Pronto Soccorso.

Le informazioni riportate costituiscono indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere del medico.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?

Quale progetto vuoi che Humanitas sostenga grazie al 5x1000?

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS
SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?