FIRMA PER SOSTENERE LA RICERCA

Epiglottide

Si tratta di una cartilagine di tipo elastico e ricoperta di mucosa, posta alla radice della lingua. Fa parte del complesso laringeo: più specificatamente, è collocata all’estremità superiore della laringe e costituisce parte della sua parete anteriore (essa separa, infatti, la radice della lingua dalla cavità laringea).

La sua funzione è quella di impedire che il cibo masticato e la saliva vadano nelle vie aeree (ovvero “di traverso”): è per tale scopo che, durante la deglutizione, si abbassa sull’apertura della laringe e la chiude temporaneamente, impedendo l’accesso al bolo alimentare.

Che cos’è l’epiglottide?

Ha la forma di una larga foglia, tondeggiante in alto e ristretta alla base; presenta all’estremo inferiore (ovvero all’estremità che è rivolta verso la cavità della laringe) un fine peduncolo tramite cui è connessa – a mezzo di un legamento (cd. tiroepiglottico) – alla cartilagine tiroidea. Tale porzione di epiglottide è ricoperta dalla mucosa laringea. L’estremo superiore si presenta, invece, di forma arrotondata e libero ed è ricoperto da una mucosa molto simile a quella presente in bocca.

Il suo contorno si caratterizza da un margine superiore e due margini laterali: i margini laterali sono dentellati e in basso formano delle pieghe ariepiglottiche (pieghe della membrana mucosa che si estendono fino all’apice delle cartilagini aritenoidi, ovvero le cartilagini del complesso scheletrico laringeo che forniscono l’attacco al legamento vocale e ai muscoli laringei intrinseci).

A cosa serve l’epiglottide?

La sua funzione è quella di impedire che il cibo masticato e la saliva vadano di traverso: è per questo motivo che, nel corso della deglutizione, essa si abbassa sull’apertura della laringe, come a chiuderla temporaneamente, impedendo in tal modo l’accesso al bolo alimentare. Durante la deglutizione, difatti, la base della lingua compie dei movimenti all’indietro che la portano a poggiarsi proprio sull’epiglottide; quest’ultima, rovesciandosi all’indietro, va pertanto a chiudere l’apertura laringea.

Le informazioni riportate costituiscono indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere del medico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?

Quale progetto vuoi che Humanitas sostenga grazie al 5x1000?

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS
SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?