FIRMA PER SOSTENERE LA RICERCA

Dolore articolare

Con questo termine si intende una manifestazione dolorosa – spesso accompagnata da gonfiore e infiammazione – a carico di una o più articolazioni del corpo, tra cui polso e mano, anca, gamba e piede, spalla e ginocchio. Si tratta di un disturbo abbastanza comune, soprattutto con l’avanzare dell’età. Nella maggior parte dei casi si tratta quindi di un sintomo che richiede delle terapie prolungate, come per l’artrosi e l’artrite reumatoide, che sono due delle cause più comuni. In seguito a traumi o fratture, invece, l’intervento medico deve essere effettuato con urgenza.

Quali malattie si possono associare al dolore articolare?

Le principali patologie ad esso associabili sono le seguenti:

  • Condropatia rotulea o Condromalacia
  • Dengue
  • Ebola
  • Epatite
  • Fibromialgia
  • Gotta
  • Acidosi metabolica
  • Acromegalia
  • Artrite
  • Artrite reumatoide
  • Artrosi
  • Artrosi Cervicale
  • Borsite
  • Infezioni
  • Influenza
  • Insufficienza surrenalica
  • Iperparatiroidismo
  • Ipotiroidismo
  • Lupus eritematoso sistemico
  • Patereccio
  • Psoriasi
  • Rachitismo
  • Rosolia
  • Salmonella
  • Sarcoidosi
  • Sclerodermia
  • Malattia da graffio di gatto
  • Meningite
  • Morbo di Addison
  • Morbo di Crohn
  • Morbo di Hashimoto
  • Morbo di Paget
  • Osteoporosi
  • Parotite
  • Scorbuto
  • Sifilide
  • Sindrome di Sjögren
  • Sindrome premestruale
  • Tendinite
  • Tenosinovite
  • Tifo
  • Tripanosomiasi africana
  • Tumore osseo

Si ricorda che questo elenco non è esaustivo e che sarebbe sempre meglio consultare il proprio medico di fiducia in caso di sintomi persistenti.

Quali sono i rimedi contro il dolore articolare?

Allo scopo di ridurre o contrastare questo tipo di dolore, è necessario risalire all’origine del problema. Solo la diagnosi consente di adottare cure e rimedi efficaci.

Nel caso in cui il dolore articolare sia determinato da artrite e artrosi si può – sotto controllo medico – alleviare il dolore, il gonfiore e l’infiammazione con l’utilizzo non prolungato di antidolorifici e antinfiammatori, mantenendo un peso corporeo nella norma e svolgendo della moderata e regolare attività fisica.

Negli altri casi il dolore può essere contrastato assumendo degli antinfiammatori, facendo dei bagni e degli impacchi caldi, o dei massaggi e fisioterapia, o infine applicazioni con ultrasuoni, tecarterapia e riposo.

Quando rivolgersi al proprio medico?

In caso in cui il dolore sia successivo ad un trauma o a una contusione è necessario rivolgersi alle cure mediche presso un Pronto Soccorso.

È sempre consigliato ricorrere alle cure mediche qualora il dolore insorga improvvisamente e non passi dopo tre o più giorni, se sia associato a febbre, gonfiore o rossore della parte e se il dolore sia acuto e non favorisca il movimento.

Le informazioni riportate costituiscono indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere del medico.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?

Quale progetto vuoi che Humanitas sostenga grazie al 5x1000?

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS
SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?