FIRMA PER SOSTENERE LA RICERCA

Difficoltà del linguaggio

Difficoltà e disturbi del linguaggio sono relazionati a dei problemi transitori o permanenti che riguardano la capacità di elaborare e articolare frasi e parole. Difficoltà del linguaggio possono colpire sia adulti che bambini e comprendono disturbi del ritmo, dell’articolazione e della voce e possono riguardare sia la composizione del messaggio (cioè la scelta delle parole e dei significati) che l’espressione (disturbi dell’apparato fonatorio).

Quali malattie si possono associare alla difficoltà del linguaggio?

Le principali patologie che possono essere associate a questo tipo di problema sono le seguenti:

  • Sclerosi laterale amiotrofica
  • Sclerosi Multipla
  • Sindrome di Down
  • Emicrania
  • Ictus
  • Labbro leporino
  • Malattia di Alzheimer
  • Malattia di Huntington
  • Palatoschisi
  • Aprassia
  • Autismo
  • Botulismo
  • Broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO)
  • Cancro della bocca (cancro orale)
  • Cancro della laringe
  • Cefalea
  • Demenza senile
  • Disartria
  • Polipi alle corde vocali

Si ricorda che questo elenco non è esaustivo e che sarebbe sempre meglio consultare il proprio medico di fiducia in caso di sintomi persistenti.

Quali sono i rimedi contro la difficoltà di linguaggio?

Allo scopo di individuare i rimedi contro la difficoltà del linguaggio, bisogna innanzitutto individuare l’origine che scatena il disturbo. Alcuni – difatti – possono essere modesti, di lieve entità e transitori e non richiedere pertanto alcun trattamento. Quando le difficoltà sono invece permanenti è necessario intervenire con una terapia del linguaggio; il neurologo e il logopedista potranno individuare il programma terapeutico adeguato con degli esercizi specifici (fonazione, respirazione, memorizzazione) per la patologia e le capacità di espressione del soggetto.

Con difficoltà del linguaggio quando rivolgersi al proprio medico?

Qualora le difficoltà del linguaggio insorgano in maniera improvvisa potrebbero essere sintomo di eventi vascolari – come l’ictus – che richiedono un intervento sanitario tempestivo. In questo caso è necessario recarsi o chiamare subito il Pronto Soccorso.

Se si assiste un paziente anziano, le sue difficoltà del linguaggio potrebbero essere sintomo di una degenerazione cerebrale. È sempre importante riferire al proprio medico curante e al neurologo la comparsa di questi problemi.

Le informazioni riportate costituiscono indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere del medico.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?

Quale progetto vuoi che Humanitas sostenga grazie al 5x1000?

QUALE PROGETTO VUOI CHE HUMANITAS
SOSTENGA GRAZIE AL TUO 5x1000?